PDF Print E-mail
There are no translations available.

Manifesto_mostra_LeoneXII

 

Sabato 18 maggio è stata inaugurata la mostra Il vero volto di Leone XII, dedicata all'iconografia di Leone XII, Annibale dei conti della Genga, papa dal 1823 al 1829.

Com'era il suo aspetto fisico? I contemporanei lo descrivono alto, elegante, molto colto e amabile nella conversazione. François-René de Chateaubriand, grande intellettuale e diplomatico francese, scrive che è “un uomo molto distinto e molto illuminato e un principe pieno di dignità”.

La mostra, curata da Ilairia Fiumi Sermattei, presenta oltre 60 opere, dai ritratti presi dal vivo e quelli ufficiali, più convenzionali. A volte, soprattutto a distanza di qualche anno dalla sua morte, i tratti somatici sono completamente inventati, dando vita ad una immagine distorta, che ha confuso la memoria dei posteri. 

Del resto, il ritratto di un personaggio storico – un re, un papa o un principe – è uno strumento di comunicazione politica. Più dell'aspetto fisico esso restituisce l’immagine ufficiale dell’istituzione e ne rappresenta i valori fondanti.

Ritrovare il vero volto di Leone XII contribuisce, in un certo senso, a riscriverne la biografia, perché attraverso il volto emerge l’anima dell’uomo.

Il progetto espositivo propone anche un percorso per i bambini e i ragazzi che visitano la mostra. Alcune schede, distribuite gratuitamente, propongono giochi, indovinelli e disegni. I più piccoli possono vivere l’esperienza della visita ad un livello adeguato, divertendosi in compagnia della mascottina della mostra, il simpatico Leoncino.

L’esposizione è ospitata nei locali al piano terra della Pinacoteca civica e sarà visitabile fino al 30 giugno.

L’ingresso è libero.