La storia della collezione PDF Stampa E-mail

 

ITALIANO

L'istituzione della Pinacoteca civica di Fabriano risale al 1862, quando il Comune acquisì un primo nucleo di opere, in precedenza appartenute ai beni di enti ecclesiastici, espropriati in seguito alla nascita dello Stato unitario italiano. Il primo allestimento espositivo fu ricavato in alcuni locali della stessa sede comunale, l'antico Palazzo Chiavelli, e comprendeva già importanti testimonianze pittoriche degli artisti fabrianese dei secoli XIV e XV, come il Trittico di Allegretto Nuzi, e la Dormitio Virginis di Antonio da Fabriano. Fra il 1911 ed 1913, si ebbero cospicui incrementi grazie alla decisione del Capitolo della Cattedrale di San Venanzio di farvi confluire un notevole gruppo di opere di sua proprietà, fra cui la serie degli arazzi fiamminghi del XVI e XVII secolo, che rese necessaria una nuova e più adeguata sede espositiva, individuata in alcune sale del Palazzo vescovile. Nel 1986 la Pinacoteca venne intitolata a Bruno Molajoli, storico dell'arte fabrianese e direttore generale delle belle arti negli anni Sessanta, morto l'anno precedente. Dal 1994, acquisiti nel frattempo anche i gruppi di sculture lignee policrome del Trecento, la civica collezione d'opere d'arte trova la sua ultima ed attuale sede nei locali dell'antico Spedale di Santa Maria del Buon Gesù.

 

 

ENGLISH

The estabilishment of the Public Art Gallery of Fabriano dates back to 1862, when the Council purchased the first art pieces, that belonged to the church which were expropriated after the creation of the Italian unitary state. The first exibition was held in some properties of the council, the antique "Palazzo Chiavelli", and this exibition already had ver0y important evidence of the artists from Fabriano during the 14th and 15th centuries, for example the "Trittico" of Allegretto Nuzi, or the "Domitio Virginis" of Antonio da Fabriano. Between 1911 and 1913, there were incredible increases of art pieces, due to the decision of the Cathedral of San Venanzio to merge art works of their property, that brought the necessity of a new and appropriate exibition centre, found in some rooms of the Vescovil Palace. In 1986 the Public Art Gallery got the name "Bruno Molajoli", a storic of the art from Fabriano and the general director of  the "Belle arti" in the 60s, that died the previous year. Starting from 1994, while there were acquired groups of polychrome wooden sculptures from the 1300, the public collection of works found its last and current centre in the local antique Hospital of "Santa Maria del Buon Gesù".

 

 

 

Per saperne di più:

-  A. Crocetti, La Pinacoteca Fabrianese e il Capitolo della Cattedrale, Fabriano 1935

-  Gentile da Fabriano e l'altro Rinascimento, catalogo della mostra (Fabriano, 21 aprile-23 luglio 2006), Electa, 2006

-  A. Marabottini, F. Marcelli, Pinacoteca civica "Bruno Molajoli", APT, Fabriano 1997

-  O. Marcivaldi, Quadri della pinacoteca fabrianese, Fabriano 1862

-  B. Molajoli, Gli affreschi riminesi in Sant'Agostino di Fabriano, in "Rivista d'Arte", 1934

-  B. Molajoli, Guida artistica di Fabriano, Fabriano 1936. II ediz. Genova 1968, III ediz. Roma 1990

-  L. Serra, La Pinacoteca civica e il Museo degli arazzi di Fabriano, Fabriano 1921