Pinacoteca Civica Bruno Molajoli

Home Le sale Quarta Sala

Le sale

Quarta Sala

Il Quattrocento

In questa sala le opere offrono la possibilità di conoscere diverse maestranze che fecero propri secondo diverse sensibilità gli schemi gentiliani riproponendo in forme più intime e arcaiche. In questi termini prende forma la personalità artistica del cosiddetto Maestro di Staffolo che lasciò diverse testimonianze a livello locale tra cui gli affreschi all'esterno della Pinacoteca, nel loggiato di ingresso. A questo artista si aggiunge nell'altra parte della sala la produzione di Antonio da Fabriano un maestro eccentrico dal registro formale spigoloso e influenzato dalla lezione fiamminga che probabilmente assorbì nel Meridione. Tornato in pianta stabile nelle Marche la sua parlata si fece man mano meno rigorosa e più meditata alla luce della produzione artistica dei pittori camerti come come Giovanni Angelo di Antonio, e dell'influenza della lezione crivellesca, della quale danno conto i due affreschi staccati raffiguranti la Madonna di Loreto e La Madonna col Bambino recentemente attribuita a Lorenzo d'Alessandro da San Severino


Accedi al Virtual Tour

Accedi al Virtual Tour